CFP “2008, lo spartiacque. Politica e immaginario nel decennale della crisi”






Print Friendly, PDF & Email

Call for Papers Iconocrazia 14/2018:

2008, lo spartiacque. Politica e immaginario nel decennale della crisi

A cura di: Alfredo Ferrara (IISF), Sabino Di Chio (Uniba)

 

El señor Presidente recibe a los Mercados (Street art, Valencia)

 

Il fallimento della banca d’investimento Lehman Brothers avvenuto a New York il 15 settembre 2008 rappresenta nella storia mondiale quello che gli storici sono soliti chiamare un “turning point”: un evento capace di produrre un cambiamento significativo nel tempo storico che sancisce la fine di una fase e l’avvio di un’altra. Ciò apparve evidente sin da subito non solo agli analisti e ai decisori politici ma all’opinione pubblica tutta: il lemma crisi divenne di uso comune per indicare la condizione strutturale e non più transitoria nella quale quell’evento gettava gli Stati e le società occidentali; il potere del capitale finanziario che nei decenni precedenti al 2008 era progressivamente cresciuto diventava oggetto di pubblico dibattito e la domanda ‘come abbiamo fatto a non accorgercene?’ poneva preoccupanti interrogativi sullo stato di salute delle democrazie e sul conformismo della comunità scientifica.

La letteratura scientifica che in questo decennio ha affrontato tali questioni in tutti gli ambiti disciplinari delle scienze umane, non a caso lo ha fatto partendo dalla consapevolezza di aver colpevolmente ignorato o sottovalutato gli indicatori che segnalavano uno sviluppo squilibrato che avveniva in assenza degli strumenti politici di governo del mutamento e delle distorsioni del mercato. La prossimità temporale non è tuttavia il luogo migliore per giudicare
la portata di un evento; per questa ragione a dieci anni dal crollo di Wall Street, Iconocrazia intende dedicare un numero monografico al decennale dell’inizio della crisi, sollecitando contributi che affrontino il tema delle continuità e delle discontinuità di ordine economico, politico e sociale legate al 2008 sia in chiave teorica sia attraverso ricerche empiriche.

Tra i molteplici aspetti che potranno essere indagati, si segnalano a titolo esemplificativo le seguenti aree d’interesse:

– le trasformazioni nell’esercizio del potere politico in Occidente come reazione alla Grande Recessione innescata dalla crisi;

– l’irruzione dell’economia finanziaria, delle sue piazze e del suo lessico nella definizione dei destini delle comunità politiche;

– il legame tra riforme post-2008 e l’aumento delle disuguaglianze, le nuove povertà, l’erosione del legame sociale;

– l’immaginario mediale della crisi, le narrazioni cinematografiche, televisive e giornalistiche del crollo di Wall Street e delle sue conseguenze;

– la parabola dei movimenti sociali ispirati ai temi post-2008 (Occupy Wall Street, Indignados, primavere arabe, ecc.);

Presentazione delle proposte:
L’abstract (massimo 500 parole) può essere scritto in italiano, inglese o francese e va inviato ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

info@iconocrazia.it

ferraralfredo@hotmail.com

sabino.dichio@uniba.it

La proposta deve contenere:
Nome, cognome, Istituto di appartenenza e posizione accademica dell’autore;
Titolo provvisorio dell’articolo.

Tempi:
Scadenza invio abstract: 10 luglio 2018
Comunicazione della risposta: 20 luglio 2018
Scadenza invio paper: 5 ottobre 2018
Decisione dei revisori: 30 ottobre 2018
Invio articoli definitivi: 20 novembre 2018
Pubblicazione: dicembre 2018